Torniamo, con calma.

pinterestblog-estaehi

Ci siamo, possiamo tirare il fiato.

Dopo aver studiato attentamente il calendario alla ricerca di “ponti”, dopo aver massimizzato gli effetti benefici dei week end, quasi tutti siamo ormai in vacanza.

La differenza è vivere la convinzione di poter determinare tutto ciò che faremo e saremo nei prossimi giorni.

Liberiamo i nostri desideri ed andiamo a vivere qualche riga più in alto, ad occupare uno spazio più grande mettendo in campo energie sopite ed a volte sconosciute.

La meta ambita, le più innocenti trasgressioni, l’oggetto o l’attività che spunta ”solo” in vacanza, i rituali che dimostrano evasione rispetto ad abitudini quotidiane mai accettate fino infondo… esaltiamoci!

Per i pochi che restano in ascolto, è il momento delle metafore trite e ritrite, è il periodo dei luoghi comuni. Per tutti il tono è più soft e gli argomenti si fanno più leggeri, con la speranza che il clima pigro ed intorpidito di vacanza non venga turbato.

Ed allora carichiamo la nostra valigia lasciando un piccolo spazio per qualcosa di utile al nostro rientro.

Andiamo, imbarchiamoci, godiamoci queste che per definizione non possono che essere “le meritate vacanze”.

Al di là di tutto, ognuno per il suo desiderio o bisogno, che siano vacanze splendide!

Torniamo, più belli, bravi e buoni.

Torniamo, con calma.